Art Breakers live alla Blues House

Quest’oggi iniziamo la giornata parlando di musica. Ieri sera, alla Blues House di Milano, ho avuto il piacere di passare una splendida serata rock in compagnia degli “Art Breakers“, tribute band degli immensi Led Zeppelin.
Solitamente non mi soffermo mai a parlare di questo genere di concerti, perché seppur io adori le serate tributo ai grandi della musica, perferisco lasciare spazio a gruppi emergenti che propongono la loro musica e non qualcosa di già sentito.
Beh, perché questa volta ho deciso di cambiare idea? Perché lo show a cui ho assistito la scorsa notte non è stato soltanto un copia e incolla di vecchi live dei Led Zeppelin, ma una rivisitazione in chiave personale e appassionata di brani che hanno segnato la storia. Certo, direte voi, con un repertorio scottante come questo fare un bello show non è affatto difficile, ed è quí che invece vi sbagliate. Tolto il livello tecnico, che per suonare musica di questo tipo deve essere impeccabile (prova superata a pieni voti a mio avviso), quel che deve colpire il pubblico è la passione:  bisogna infatti riuscire a trasmettere la stessa anima fiammante che i protagonisti originali trasmettevano cantando i loro brani, cosa che i quattro componenti degli Art Breakers hanno capito in modo ineccepibile.
La prima vera novità sta nell’aver scelto una donna come voce del gruppo. Sylvia Piacenza si trova infatti a vestire i panni di Robert Plant, riuscendo a reggere l’intero spettacolo con un perfetto accento british e una passione che avrebbe fatto ballare anche i tavoli. Incredibili le interpretazioni delle  intramontabili “Stairway To Heaven“, intima, profonda, calda e davvero coinvolgente, e “Danzed and Confused“. Una voce ellettrizzante ed energica che ha soddisfatto a pieno le iniziative.
Cosimo Bianco e Greg Zito erano rispettivamente John Paul Jones e Jimmi Page, basso e chitarra quindi. Un’intesa perfetta e una precisione tecnica di altissimo livello. Entrambi ci hanno regalato una performance energica e adrenalinica: una divertentissima “Lemon Song“, in cui il basso diventa protagonista subito, e l’immancabile archetto di violino, come vuole la tradizione, per l’assolo di “Danzed and Confused“.
Tuttavia si sa, quello che tutti temono quando si va a vedere una cover band dei Led Zeppelin è sempre il batterista. Reggere il confronto con John Bonham è quasi impossibile, non per niente è annoverato come uno dei batteristi migliori di sempre. Beh, Sandro John Cozzolino, ieri sera, ha davvero sfatato ogni dubbio. È stato impeccabile, non soltanto nell’esecuzione, ma proprio nella capacità di dare energia e sostegno al gruppo. Era come un pilastro sul quale tutti e tre gli altri componenti facevano affidamento. Forte, grintoso e divertito, ha regalato al pubblico nel locale una “Mody Dick” da brivido.
In sintesi, una serata vintage meravigliosamente rock. Quel che ho apprezzato di più dell’intero show è stato il fatto che tutti i ragazzi sul palco si stavano divertendo a suonare dei pezzi che per loro avevano un profondo valore artistico e simbolico. Una cosa rara, specialmente quando si eseguono brani famosi, spesso inflazionati e privati del loro originale significato.
Per me, che ho 23 anni e che questo genere di concerti difficilmente riuscirò a vederli, trovare band appassionate che riescono a trasmettere questo affiatamento e questa passione, senza copiare e incollare brani presi dai live di Youtube, è davvero un piacere.
Grazie a questo genere di locali (come la Blues House che io adoro) e a questo genere di artisti, sono riuscita per un attimo a volare negli anni ’70 a ritmo di “Whole a Lotta Love“!

ART BREAKERS

FB Official Page: https://m.facebook.com/theartbreakers/

Blues House

Via Sant’Uguzzone, 26, Milano.
http://www.blueshouse.it/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...